Don Assoluto. il Ficario e il Breve gap circusDon Assoluto, il Ficario e il Breve

attore luca provenzano

Trittico di personaggi tra comicità e circo, con versione muta o recitata

Black Humor  dalla visione dell’autore in tre monologhi, intervallati da tecniche circensi, comicità e farsa clownesca.

L’uomo dominatore, usa i suoi simili e mezzi, per perpetuarsi nel tempo, affermando il suo potere, attraverso azioni violente, che passano come normali, essendo anche, tanto naturalizzate, con l’avvento del cinema d’azione. In questo “spettacolo” l’azione, diventa volta al coinvolgimento e al risveglio di quella coscienza collettiva, di comprensione di certi eventi e dei loro moventi e offre la possibilità, di ridere su cose che diventano, anche se per un attimo, più chiare.

L’attore si immerge in tre aspetti dell’essere umano, portando in rilievo, i profili e i paradossi, di chi usa la sua posizione, la sua forza e il suo coraggio, per un fine che è puramente egoistico e legato a un timbro del tutto culturale. Una vera e propria catarsi, che nel viaggio offerto dall’autore, permette l’annullamento dello spettatore, che si rinfresca e distacca dalle logoranti, quotidiane attività mentali, grazie all’esagerazione e tenerezza clown, che l’attore personaggio pone di fronte al pubblico, misurandone l’attenzione, attraverso il silenzio, la risa e l’applauso.

 

[/vc_column_inner]